Sostare da noi è svegliarti la mattina in un importante quartiere antico, e ritrovarti, all’uscita del portone di casa,

nel suo variopinto folclore fatto di mercatini,  personaggi tipici, bancarelle, opere architettoniche, profumi di sfogliatelle e pizze, preziosi laterizi romani che fanno capolino fra le botteghe, chiese, monumenti.. un frastuono

di umori dove il nuovo e il vecchio si fondono in un cocktail di inebriante singolarità, quella singolarità che ha reso questa città unica, amata e odiata, dalle indiscutibili tinte forti, proprie di tutto ciò che è vitale, vivo.

I nostri alloggi hanno la peculiarità di essere squisitamente accoglienti, e comodi per la funzionalità di cui puoi usufruire, cioè quella di poterti già immergere tra i tesori partenopei senza dover ricorrere ai  mezzi di trasporto,  gustando così il piacere di poter passeggiare, a piedi e senza alcun problema logistico, tra i famosi vicoli  densi di passato e di umanità che collegano i Decumani, assaporando tutti gli odori, le musiche, i colori dell’arte ed i sapori antichi ereditati da 27 secoli di storia, i quali hanno fatto di questa straordinaria città una delle più belle e suggestive del mondo, tanto da essere dichiarata “patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO.

 

     Attrazioni turistiche della città raggiungibili a piedi :

 

 

  • Il Duomo di Napoli, famoso per il miracolo della liquefazione del sangue di S. Gennaro e l’adiacente museo con il tesoro del Santo, insuperabile al mondo per i preziosi custoditi.

 

  • San Gregorio Armeno, famosa per le opere artigianali presepiali.

 

  • Spaccanapoli e la parallela Via Tribunali, ricche di arte e di storia, con centinaia di vetrine colorate e sede tra le migliori pizzerie della città.

 

  • La Napoli Sotterranea.

 

  • Museo Archeologico Nazionale .

 

  • Cappella di San Severo, famosa per il Cristo Velato e le numerose leggende relative agli esperimenti e alla vita dell’omonimo principe.

 

  • Pio Monte della Misericordia, dov’è custodita l’opera del Caravaggio

      “Le sette opere di Misericordia”.

 

  •  Il MADRE (Museo Arte Donna Regina), museo di arte Contemporanea.

 

  • Complesso Monumentale dei Girolamini.

 

  • Chiesa dei Santissimi Apostoli, dove si trova l'unica opera napoletana di Francesco Borromini: l'altare Filomarino.

 

  • Chiesa di San Giovanni a Carbonara, una delle chiese dal gusto decorativo rinascimentale più interessanti della città.

 

  • Complesso di San Lorenzo Maggiore, uno dei più importanti monumenti cittadini, sorto sul sito di un edificio sacro del VI secolo e di un antico “macellum”, il mercato di epoca romana.

 

  • Complesso di San Domenico Maggiore.

 

  • La via del conservatorio e via San Sebastiano, detta “via dei musicisti” per la miriade di negozi ed artigiani di strumenti musicali.

 

  • Le Gallerie dell’Accademia.

 

  • Il Monastero di Santa Chiara con il suo fantastico Chiostro maiolicato.

 

  • Piazza del Gesù con l’omonima Chiesa, dove vi è custodito il corpo di San Giuseppe Moscati con un piccolo museo   dedicatogli.

SAN GREGORIO ARMENO
SAN GREGORIO ARMENO

strada del centro storico di Napoli, celebre per le botteghe artigiane dei presepi. E’ nota in tutto il mondo come il centro espositivo delle botteghe artigianali qui ubicate, che ormai tutto l'anno realizzano statuine per i presepi, sia canoniche che originali (solitamente ogni anno gli artigiani più eccentrici realizzano statuine con fattezze di personaggi di attualità che i si sono distinti in positivo o in negativo durante l'anno).

BASILICA DI SANTA CHIARA
BASILICA DI SANTA CHIARA

Monastero di Santa Chiara, Si trova nei pressi di piazza del Gesù Nuovo, ed è la più grande basilica gotica di Napoli. Il complesso monastico costituisce l'omonimo museo dell'Opera che espone resti archeologici rilevati nel sottosuolo della basilica ed oggetti sacri appartenuti al monastero. L'accesso al museo dell'Opera si trova all'interno del chiostro delle Clarisse, uno dei più belli della città grazie alle maioliche decorative eseguite da Domenico Antonio Vaccaro nella prima metà del XVIII

DUOMO DI NAPOLI
DUOMO DI NAPOLI

La cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta è una basilica monumentale nonché duomo e sede dell'arcidiocesi della città di Napoli. Il duomo sorge lungo il lato est della via omonima, in una piazzetta contornata da portici E’ la sovrapposizione di più stili che vanno dal gotico puro del Trecento fino al neogotico ottocentesco. Qui avviene, tre volte l’anno, il famoso miracolo dello scioglimento del sangue di San Gennaro .

Chiesa di San Giovanni a Carbonara
Chiesa di San Giovanni a Carbonara

La chiesa di San Giovanni a Carbonara è una chiesa monumentale di Napoli, ubicata nell'omonima strada del centro storico. Seppur di epoca trecentesca, si tratta di una delle chiese dal gusto decorativo rinascimentale più interessanti della città.

Caravaggio
Caravaggio

Pio Monte della Misericordia, dov’è custodita l’opera del Caravaggio “Le sette opere di Misericordia”.

Complesso di di San Domenico Maggior
Complesso di di San Domenico Maggior

La chiesa di San Domenico Maggiore sita in posizione pressoché centrale rispetto al decumano inferiore, nella piazza omonima. Inizialmente in stile gotico, tra il 1283 e il 1324, divenne la casa madre dei domenicani nel regno di Napoli e chiesa della nobiltà aragonese; fu sotto un profilo storico, artistico e culturale tra le più importanti della città.

SPACCANAPOLI
SPACCANAPOLI

Decumano inferiore - rappresenta indubbiamente uno dei luoghi più tipici della città, in cui si coniugano tradizione, arte e cultura napoletana. Ricca di negozi di artigianato locale, variopinte pasticcerie e le più note pizzerie del mondo, oltre le celebri botteghe d'arte presepiale (nell'adiacente via S.Gregorio Armeno), la rendono una tappa obbligata per i turisti e uno dei luoghi più vivaci e animati della città.

Via Tribunale
Via Tribunale

Decumano - rappresenta indubbiamente uno dei luoghi più tipici della città, in cui si coniugano tradizione, arte e cultura napoletana. Ricca di negozi di artigianato locale, variopinte pasticcerie e le più note pizzerie del mondo, oltre le celebri botteghe d'arte presepiale (nell'adiacente via S.Gregorio Armeno), la rendono una tappa obbligata per i turisti e uno dei luoghi più vivaci e animati della città.

NAPOLI SOTTERRRANEA
NAPOLI SOTTERRRANEA

Complesso di cunicoli scavati nel sottosuolo della città, Risalente all'epoca greca, quando vennero scavati i terreni per estrarre il tufo, la struttura ha poi subito le influenze delle epoche successive diventando prima un acquedotto durante il periodo romano, poi un rifugio per i cittadini napoletani durante la seconda guerra mondiale

SAN GREGORIO ARMENO
SAN GREGORIO ARMENO

strada del centro storico di Napoli, celebre per le botteghe artigiane dei presepi. E’ nota in tutto il mondo come il centro espositivo delle botteghe artigianali qui ubicate, che ormai tutto l'anno realizzano statuine per i presepi, sia canoniche che originali (solitamente ogni anno gli artigiani più eccentrici realizzano statuine con fattezze di personaggi di attualità che i si sono distinti in positivo o in negativo durante l'anno).

COMPLESSO DI SAN LORENZO MAGGIORE
COMPLESSO DI SAN LORENZO MAGGIORE

Ha sede in piazza San Gaetano, all'interno dell'omonima basilica. Si tratta di un polo museale che permette di ammirare gli antichi ambienti del convento con il chiostro, un sito archeologico posto sotto l'edificio religioso e le collezioni settecentesche appartenute al convento stesso. Il sito archeologico risale all'epoca greca, quando in quel luogo sorgeva l'agorà.

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

Il museo si trova di fronte alla galleria Principe di Napoli, nel cinquecentesco palazzo del real museo voluto da Carlo III di Borbone. È ritenuto uno dei più importanti musei archeologici al mondo, vantando il più ricco e pregevole patrimonio di opere d'arte e manufatti di interesse archeologico in Italia.

Certosa San Martino e  Sant'Elmo
Certosa San Martino e Sant'Elmo

Certosa con l’omonimo museo che ospita storici presepi napoletani e opere d'arte di Jusepe de Ribera, Luca Giordano, Artemisia Gentileschi , De Mura, Caracciolo ecc. Castel Sant'Elmo è un castello medievale, oggi adibito a museo,i. Un tempo era denominato Paturcium e sorge nel luogo dove vi era, a partire dal X secolo, una chiesa dedicata a Sant'Erasmo (da cui Eramo, Ermo e poi Elmo). La collina su cui sorge la certosa e il castello è stata dichiarata monumento nazionale

Scavi di Ercolano
Scavi di Ercolano

Gli scavi archeologici di Ercolano hanno restituito i resti dell'antica città di Ercolano, seppellita sotto una coltre di ceneri, lapilli e fango durante l'eruzione del Vesuvio del 79, insieme a Pompei, Stabiae ed Oplonti. Nel 1997, a, insieme a quelle di Pompei ed Oplonti, sono entrate a far parte della lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO

Scavi Pompei
Scavi Pompei

Gli scavi archeologici di Pompei hanno restituito i resti della città di Pompei antica, , seppellita sotto una coltre di ceneri e lapilli durante l'eruzione del Vesuvio del 79, insieme ad Ercolano, Stabiae ed Oplonti Il sito di Pompei è risultato essere il secondo sito italiano per numero di visitatori, preceduto solamente dal sistema museale che comprende Colosseo, Foro Romano e Palatino. Nel 1997, a, insieme a quelle di Ercolano ed Oplonti, sono dichiarati patr imoni dell'umanità dall'UNESCO

 

Raggiungibili a piedi, con metropolitana o autobus:

 

  • Piazza Dante.

 

  • Via Toledo,antica e famosa strada napoletana ricca di negozi e mercatini artigianali.

 

  • Le Gallerie d’Italia “Palazzo Zevallos Stigliano”, dove sono custodite opere di Luca Giordano, Caravaggio e Artemisia Gentileschi.

 

  • La Galleria Umberto I.

 

  • La spettacolare Piazza del Plebiscito.

 

  • Basilica di San Francesco di Paola.

 

  • Palazzo Reale.

 

  • La biblioteca Nazionale.

 

  • Teatro San Carlo, uno dei più famosi e prestigiosi del mondo, nonché il più antico teatro d'opera in Europa e del mondo ancora attivo.

 

  • Via Caracciolo e Mergellina, con il Lungomare e lo stupendo paesaggio del golfo con lo sfondo del Vesuvio, di Sorrento e di Capri

 

  • Castel dell’Ovo e il Borgo Marinaro.

 

  • Maschio Angioino.

 

  • Villa Comunale.

 

  • Il PAN (Palazzo Arti Napoli).

 

  • Parco e Museo di Capodimonte.

 

 

 

Raggiungibile  con poche fermate di metropolitana:

 

  • Castel Sant’Elmo.

 

  • Chiostro di San Martino.

 

 

Con  una fermata di metropolitana, è possibile prendere un treno della linea Circumvesuviana per raggiungere:

 

 

  • I  famosissimi siti archeologici di Pompei, Ercolano e Oplontis

 

  • Sorrento.

 

 

 

 

 

 

 

Sempre con la metropolitana  a pochi passi da casa è possibile raggiungere  Pozzuoli  per:

 

 

  • Il vulcano Solfatara

  • L'anfiteatro della stessa mole del Colosseo 

  • Tempio di Serapide

  • Il Rione Terra

 

   o prendere un treno della circumflegrea per raggiungere:

 

  • la città sommersa di baia

  • il castello di Bacoli

  • la grotta della Sibilla Cumana con il lago d'Averno.

 

 

Tempio di Serapide
Tempio di Serapide

ovvero Il Macellum di Pozzuoli . è uno dei più noti monumenti di tutto il mondo antico. per il duplice interesse che ricopre, sia archeologico che scientifico : Era il mercato pubblico della Puteoli romana. A livello scientifico, esso ha rappresentato per alcuni secoli l'indice metrico più prezioso e preciso che si aveva a disposizione per misurare il fenomeno del bradisismo.

Anfiteatro Flavio
Anfiteatro Flavio

della stessa fattura del Colosseo, è uno dei due anfiteatri romani esistenti a Pozzuoli e risale alla seconda metà del I secolo d.C. Oggi si trova a poche centinaia di metri dall'attuale linea di costa, nel centro di Pozzuoli, e dista pochi passi dalla fermata Pozzuoli della linea 2 della metropolitana di Napoli.

Vulcano Solfatara
Vulcano Solfatara

un ampio cratere che dopo due millenni di attività, ancora oggi gorgoglia di fuoco sotterraneo, emettendo soffi di zolfo, getti di fango bollentei e sbuffi di vapore che raggiungono la temperatura di 162 , che oltre all’aspetto di alto interesse scientifico si presenta un posto raro al mondo per dal punto di vista paesaggistico estremamente suggestivo (è stata location per la realizzazione di molti film)

Rione Terra
Rione Terra

luogo che è stato protagonista di tutte le evoluzioni storiche, dai primi anni della colonizzazione greca e romana nel 529 a.C., fino all'epoca moderna.

Parco sommerso di Baia
Parco sommerso di Baia

l'area rappresenta, assieme al Parco sommerso di Gaiola, un esempio unico in ambito Mediterraneo di protezione archeologica e naturalistica subacquea.

Castello Aragonese (Baia)
Castello Aragonese (Baia)

Per la sua posizione centrale relativamente ai principali siti archeologici dei Campi Flegrei (in prossimità delle Terme di Baia e a metà strada fra Cuma e Pozzuoli) visibili dalle terrazze e dai bastioni, il castello di Baia è stato scelto come sede del Museo archeologico dei Campi Flegrei. Esso prevede la progressiva esposizione topografica dei più significativi reperti rinvenuti nei siti archeologici dell'area flegrea. Le poche sale finora attivate riguardano: il Sacello degli Augustali di Mi

Piazza del Plebiscito
Piazza del Plebiscito

Ubicata nel centro storico, tra il lungomare e via Toledo, con una superficie di circa 25 000 metri quadrati la piazza si presenta come una delle più grandi della città e d'Italia e per questo è quella più utilizzata per le grandi manifestazioni.

Panorama
Panorama

Via Caracciolo e Mergellina, con il Lungomare e lo stupendo paesaggio del golfo con lo sfondo del Vesuvio, di Sorrento e di Capri

Maschio Angioino -Castelnuovo
Maschio Angioino -Castelnuovo

Castel Nuovo, meglio noto come Maschio Angioino, è uno storico castello medievale e rinascimentale, nonché uno dei simboli della città di Napoli. Il castello domina la scenografica piazza Municipio ed è sede della Società napoletana di storia patria e del Comitato di Napoli dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano, ospitato nei locali della SNSP. Nel complesso è situato anche il museo civico, cui pertengono la cappella palatina e i percorsi museali del primo e secondo piano.

Palazzo Reale
Palazzo Reale

La reggia napoletana si trova in piazza del Plebiscito, di fronte alla basilica di San Francesco di Paola. Sorta nel 1600 per volontà di Fernando Ruiz de Castro, il complesso fu opera di Ferdinando Fuga pur ricevendo nei secoli successivi importanti rimaneggiamenti eseguiti tra gli altri anche da Luigi Vanvitelli. La facciata principale è caratterizzata da otto nicchie nelle quali collocate altrettante otto sculture ottocentesche rappresentanti tutti i re di Napoli

Museo nazionale di Capodimonte
Museo nazionale di Capodimonte

Si trova all'interno del bosco omonimo e costituisce una delle principali gallerie d'arte d'Italia. La reggia fu voluta da Carlo di Borbone nel 1737 e fu di fatto la prima residenza reale edificata dalla famiglia borbonica. Sono ivi presenti opere del Masaccio, Caravaggio, Jusepe de Ribera, Tiziano, Correggio, Giordano, Parmigianino, Guido Reni, Lanfranco, El Greco, Solimena, Mattia Preti, Giovanni Bellini, Botticelli, Mantegna,Caracciolo, Simone Martini e tanti altri ancora.

Fontana del Giante
Fontana del Giante

Via Caracciolo e Mergellina, con il Lungomare e lo stupendo paesaggio del golfo con lo sfondo del Vesuvio, di Sorrento e di Capri

La Galleria Umberto I
La Galleria Umberto I

è una galleria commerciale costruita a Napoli tra il 1887 e il 1890. Progettata anche con l'intento di essere essa stessa un'opera monumentale, al pari delle altre circostanti (Maschio Angioino, Real Teatro San Carlo, Palazzo Reale, Basilica di San Francesco Di Paola)[2] la galleria Umberto I, sin dalla sua costruzione, divenne immediatamente un fondamentale polo commerciale della città di Napoli, grazie anche all'ubicazione che la vede circondata dalle strade dello struscio quali Via Toledo, Vi

Castel dell'Ovo
Castel dell'Ovo

Il castel dell'Ovo (castrum Ovi, in latino), è il castello più antico della città di Napoli ed è uno degli elementi che spiccano maggiormente nel celebre panorama del golfo..A causa di diversi eventi che hanno in parte distrutto l'originario aspetto normanno e grazie ai successivi lavori di ricostruzione avvenuti durante il periodo angioino ed aragonese, la linea architettonica del castello mutò drasticamente fino a giungere allo stato in cui si presenta oggi.

 

 

Nel  "cuore del cuore" di Napoli, sulla centralissima via Foria, il nostro Bed & Breakfast sorge al  1° piano nobile

di un palazzo d’Epoca di fine ‘700, in un appartamento  ristrutturato.

Se vuoi assaporare tutti i colori della città, la sua storia, il suo immenso patrimonio artistico e paesaggistico, l’ubicazione che ti offriamo è ottimale :

 

  • immersa nel centro storico

  • collegata agevolmente con il porto, l’aereoporto ed il lungomare

  • a due passi dalle metropolitane

  • servita  efficientemente da mezzi pubblici

  • sita ai confini della ZTL -  ona a traffico limitato (se sei munito di auto propria potrai raggiungerci senza alcun problema di viabilità)

  • un garage convenzionato a pochi passi

 

 

 

 

 

 

B & B  in Napoli

Via Foria , 153 - 80137 - Napoli - Italy

Fax:  +39 081 18 58 68 23

info@bb-ingiropernapoli.com